CuocoGoloso.it https://www.cuocogoloso.it La Cucina.... il Miglior modo per Godere. Thu, 15 Apr 2021 17:23:00 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.4.2 https://www.cuocogoloso.it/wp-content/uploads/2018/07/cropped-cuocogoloso-32x32.jpg CuocoGoloso.it https://www.cuocogoloso.it 32 32 Ciambella Romagnola https://www.cuocogoloso.it/ciambella-romagnola/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=ciambella-romagnola https://www.cuocogoloso.it/ciambella-romagnola/#comments Thu, 15 Apr 2021 13:25:41 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=2078 La Ciambella Romagnola è uno dei dolci più tipici della mia regione. È un prodotto da forno che a seconda della provincia e addirittura della casa in cui viene preparata, subisce piccole variazioni alla sua ricetta e al suo nome.

L'articolo Ciambella Romagnola sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
La Ciambella Romagnola è uno dei dolci da forno più semplici da preparare. In pochi passaggi sarà pronta da gustare con un profumo ed un sapore che sanno proprio di casa, di calore famigliare e di tradizione.

La sua ricetta subisce piccoli variazioni a seconda del comune dove viene preparata. Anche il suo nome è differente in base al luogo, possiamo sentirla chiamare Brazadela, Bensone e Pinza. Il tocco caratterizzante di ogni azdora in questo semplicissimo dolce dalla forma irregolare e ovale, rigorosamente cosparsa da zucchero in granella.

La tradizione prevedeva l’utilizzo dello strutto, prodotto comune nelle case dei contadini, ora sostituito dal burro e in alcuni casi anche dall’olio. La cosa che rende facile questa ricetta non è solo la semplicità di realizzazione ma anche la libertà di non dover stare li a dare forme regolari. Si mette una mucchietta allungata d’impasto su di una teglia poi farà tutto da sola, si allargherà, lieviterà e cuocerà, diventano rustica e fantastica da inzuppare.

Come fare la Ciambella Romagnola

Ingredienti semplici e pochissimi passaggi per un grande risultato. Volete prepararla senza burro? nessun problema, basterà sostituirlo con 100ml d’olio di semi di girasole.

Siete intolleranti al lattosio? Potete sostituire il latte con la vostra bevanda vegetale preferita o addirittura con succo d’arancia.

Bene, giunto il momento di mettersi all’opera, scopriamo gli ingredienti e la ricetta per questa ciambella tradizionale.

ciambella-romagnola-bl1-850x400 Ciambella Romagnola

Ciambella Romagnola

La Ciambella Romagnola è uno dei dolci più tipici della mia regione. È un prodotto da forno che a seconda della provincia e addirittura della casa in cui viene preparata, subisce piccole variazioni alla sua ricetta e al suo nome.

Uno dei dolci da forno più tipici e rustici, ottimo da inzuppare nel cappuccino a colazione o, per i più grandi anche in un ottimo vino dolce.
È ora di mettersi all'opera….

Preparazione 15 min
Cottura 38 min
Tempo totale 53 min
Portata Colazione, Merenda, Dolce tradizionale
Cucina Romagnola
Porzioni 10 Persone
Calorie 125 kcal

Equipment

  • Ciotola per impastare o Planetaria (facoltativa)
  • Teglia da Forno

Ingredienti
  

  • 500 g Farina 00
  • 220 g Zucchero semolato
  • 3 Uova
  • 150 g Burro morbido
  • 80 g Latte
  • 40 g Zucchero in granella
  • 20 g Liquore all'anice
  • 1 bustina Lievito Chimico per dolci
  • 1 Limone non trattato solo la buccia
  • 1 Arancia non trattata solo la buccia
  • 1 pizzico Sale fino

Preparazione
 

  • Setacciamo la farina con il lievito.
  • Uniamo alla farina setacciata lo zucchero, il burro, le uova, le bucce grattugiate degli agrumi, il sale e l'anice
  • Impastiamo il tutto per due minuti, dopodiché aggiungiamo il latte e continuiamo ad impastare per almeno 3 minuti.
    ciambella-romagnola-fp1 Ciambella Romagnola
  • Accendiamo il forno a 180°C.
    Foderiamo due teglie con la carta da forno, bagniamo la teglia per facilitarci l'operazione.
    Dividiamo l'impasto nelle due teglie formando due mucchiette allungate.
  • Lisciamo la superficie (non è fondamentale) e spargiamo lo zucchero in granella.
  • Inforniamo a 180°C per 35/38 minuti, dovranno risultare dorate in superficie e asciutte alla prova stecchino.
    Sforniamo e lasciamo raffreddare.
    ciambella-romagnola-fp2 Ciambella Romagnola

Note

Questa ricetta della Ciambella Romagnola ha un impasto molto personalizzabile, naturalmente con queste dosi si avranno i sapori molto simili all’originale.
Naturalmente se avete esigenze diverse non è difficile modificarla. Potete cambiare la farina, sostituire il burro con l’olio, il latte vaccino con il latte vegetale, scegliete il liquore che più vi piace. Insomma se volete potete giocare molto con questo impasto, la cosa importante è ottenere la consistenza che vedere nelle foto.
Una volta che si è raffreddata la ciambella si conserva anche per due settimane conservata in un sacchetto ma credo che non durerà così a lungo.
 
 

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

ciambella-romagnola-bl2 Ciambella Romagnola

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Ciambella Romagnola sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/ciambella-romagnola/feed/ 2
Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante https://www.cuocogoloso.it/sbrisolona-con-amaretti-dalla-tradizione-al-piacere-croccante/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=sbrisolona-con-amaretti-dalla-tradizione-al-piacere-croccante https://www.cuocogoloso.it/sbrisolona-con-amaretti-dalla-tradizione-al-piacere-croccante/#respond Fri, 09 Apr 2021 14:36:53 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=10567 La Sbrisolona con Amaretti è uno dei dolci della tradizione che non annoia mai. Sarà per la sua croccantezza, sarà per il suo gusto, sarà per la sua texture ma questo dolce è sempre molto piacevole. Oggi voglio farvela scoprire in monoporzioni ottime come idee regalo homemade.

L'articolo Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
La Sbrisolona è un dolce lombardo, fiore all’occhiello della città di Mantova. Molto conosciuto e consumato in Lombardia, Emilia Romagna e nel Veronese. È una torta dura, gustosa e dal sapore riconoscibile e intenso.

Viene servita a pezzetti grossolani, “sbrìsa” che in mantovano vuol dire briciole. Da tradizione la sbrisolona non si taglia con il coltello ma si spezza con le mani. In questa mia versione della Sbrisolona con Amaretti è proposta in dischi di piccolo diametro, più gestibile e ottima come idea regalo.

Ma la Sbrisolona con Amaretti come si serve?

Secondo la tradizione la sbrisolona va servita assieme a della grappa o del vino liquoroso come Malvasia, Passito di Pantelleria, Albana dolce e Vin Santo. Se volete fare i golosoni, vi consiglio d’intingerla nella salsa inglese servita tiepida, è un fantastico abbinamento.

È ottima accompagnata ma anche gustata da sola, vi saprà dare le giuste sensazioni ed emozioni. La sua texture in bocca vi stuzzicherà facendovi venire voglia di prenderne un altro pezzetto. In bocca è molto scrocchiarella, quasi sabbiosa merito della farina di mais, delle mandorle e degli amaretti grossolani.

Adoro questo dolce. Andare in fondo al sacchetto per recuperare le briciole più grosse è diventato quasi una droga. Poi la sua croccantezza in bocca è troppo stuzzicante.

Assieme ad un buon calice di vino liquoroso e buona compagnia è fenomenale.

Vediamo ora come si fa la Sbrisolona con Amaretti…

sbrisolona-con-amaretti-bl1-850x400 Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante

Sbrisolona con Amaretti

La Sbrisolona con Amaretti è uno dei dolci della tradizione che non annoia mai. Sarà per la sua croccantezza, sarà per il suo gusto, sarà per la sua texture ma questo dolce è sempre molto piacevole. Oggi voglio farvela scoprire in monoporzioni ottime come idee regalo homemade.

La Sbrisolona con Amaretti è una versione molto divertente di un classico della pasticceria regionale.

Preparazione 30 min
Cottura 40 min
Riposo in frigorifero 1 h
Tempo totale 2 h 10 min
Portata Merenda, Dolce tradizionale
Cucina Italiana, Regionale
Porzioni 7 Persone
Calorie 450 kcal

Equipment

  • Ciotola
  • Tritatutto
  • Teglia da Forno
  • Coppa pasta diametro 10cm

Ingredienti
  

  • 150 g Farina 00
  • 150 g farina di mais Fioretto
  • 120 g Zucchero semolato
  • 100 g Mandorle sgusciate ma con la pelle
  • 100 g Amaretti
  • 100 g Burro
  • 1 Uovo
  • 15 g Grappa
  • 1 Buccia grattugiata di un limone non trattato
  • Un pizzico di sale fino

Preparazione
 

  • Mettiamo le mandorle in un tritatutto lasciandone 14 intere da parte. Tritiamole grossolanamente.
  • In una ciotola mettiamo le farine, 110g di zucchero, il sale, la grappa, le mandorle e la buccia del limone.
  • Uniamo il burro freddo di frigo a pezzetti e l'uovo.
    sbrisolona-con-amaretti-fp1_ Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante
  • Mescoliamo tutti gli ingredienti senza compattare la massa ma lasciandola sgranata e sabbiosa. Dobbiamo cercare di far amalgamare il burro con gli altri ingredienti formando delle briciole d'impasto. Copriamo con la pellicola e mettiamo in frigorifero a riposa per un ora. Nel frattempo frantumiamo con le mani in modo grossolano gli amaretti.
  • Trascorso il tempo di riposo dell'impasto lo prendiamo ed uniamo gli amaretti sbriciolati.
  • Mescoliamo il tutto mantenendo l'aspetto sabbioso e "bricioloso" del composto.
    sbrisolona-con-amaretti-fp2 Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante
  • Preriscaldiamo il forno a 180°C.
    Prendiamo una teglia e la foderiamo con carta da forno. Con l'aiuto di un coppa pasta del diametro di 10cm diamo forma alle nostre sbrisolone. Per ogni pezzo ci vorranno all'incirca 110g d'impasto.
    Appoggiamo il coppa pasta e mettiamo circa 50g e pressiamo leggermente con le dita, dopodiché aggiungiamo gli altri 60g circa senza pigiare.
    Ripetiamo l'operazione per le altre 6 porzioni tenendole leggermente staccate tra loro.
  • Terminiamo mettendo 2 mandorle intere per ogni sbrisolona e spargiamo sopra i 10g di zucchero semolato rimasti.
    Inforniamo a 180°c per 25 minuti, poi abbassiamo il forno a 155°C e cuociamo ancora 15 minuti.
    A cottura ultimata sforniamo e lasciamo raffreddare.
    sbrisolona-con-amaretti-fp3 Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante

Note

Mi raccomando il cambio di temperatura in forno servirà a far seccare le nostre sbrisolone senza fargli prendere troppo colore.
Il nostro dolce si conserva molto bene per anche un mese chiuso in un sacchetto ma dubito che possa durare tanto. Quando si comincia a spiluccare le briciole diventa una droga.
 

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

sbrisolona-con-amaretti-bl2 Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Sbrisolona con Amaretti, dalla tradizione al piacere croccante sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/sbrisolona-con-amaretti-dalla-tradizione-al-piacere-croccante/feed/ 0
Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce https://www.cuocogoloso.it/marmellata-di-arance-e-datteri-meno-zucchero-senza-rinunce/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=marmellata-di-arance-e-datteri-meno-zucchero-senza-rinunce https://www.cuocogoloso.it/marmellata-di-arance-e-datteri-meno-zucchero-senza-rinunce/#respond Sat, 27 Mar 2021 15:51:26 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=10101 La Marmellata di arance e datteri è il giusto compromesso tra zucchero aggiunto e dolcezza. Infatti in questa preparzione il ruolo dei datteri non è sono si dare sapore e gusto ma hanno anche la funzione di ridurre il quantitativo di zucchero aggiunto.

L'articolo Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
La marmellata di arance e datteri nasce oltre che per un piacere gustativo, anche per aver la possibilità d’aggiungere meno zucchero in ricetta. Il risultato è un prodotto piacevolmente dolce senza mai essere stucchevole.

Questa ricetta non ha una preparazione molto complicata ma c’è il trattamento delle bucce che merita d’essere fatto con più attenzione. Ma non avere timore, ti guiderò passo passo nella sua preparazione e se avrai dei dubbi, sarò sempre a tua disposizione.

Come preparare la marmellata di arance e datteri?

Come scrivevo qualche riga fa, per realizzare questa ricetta dovremo fare determinati passaggi in sequenza ma ne sarà valso la pena. Dobbiamo trasformare le bucce d’arancia, in un prodotto commestibile e che possa conferire alla marmellata una consistenza più carnosa e molto piacevole.

I datteri conferiscono una particolare dolcezza ed una cremosità unica. Contengono vitamine del gruppo B, ferro, calcio, potassio e sono un vero e proprio antinfiammatorio naturale. Quando farai colazione con questa marmellata, oltre a mangiare un buon prodotto, ti farai anche del bene.

Aggiungendo i datteri sarà possibile ridurre lo zucchero aggiunto senza rinunciare alla dolcezza del prodotto finale. Naturalmente questo comporterà una minor conservabilità nel tempo (10 mesi) ma questo non rappresenterà di certo un problema.

Vediamo cosa ci serve per preparare questa marmellata

Con queste dosi ricaveremo circa 850g di marmellata.

marmellata-di-arance-e-datteri-bl1-850x400 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce

Marmellata di Arance e Datteri

La Marmellata di arance e datteri è il giusto compromesso tra zucchero aggiunto e dolcezza. Infatti in questa preparzione il ruolo dei datteri non è sono si dare sapore e gusto ma hanno anche la funzione di ridurre il quantitativo di zucchero aggiunto.

È ora di metterci all'opera e preparare assieme questa golosissima marmellata.

Preparazione 45 min
Cottura 30 min
Tempo totale 1 h 15 min
Portata Colazione, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 20 Persone
Calorie 105 kcal

Equipment

  • Tagliere e coltello
  • Pentolino
  • Tegame antiaderente
  • Colino
  • Pelapatate
  • Barattoli di vetro già sterilizzati

Ingredienti
  

  • 2 kg Arance non trattate
  • 380 g Zucchero semolato
  • 180 g Datteri disidratati

Preparazione
 

  • Laviamo bene le arance e con l'aiuto di un pelapatate ricaviamo la buccia da 4/5 pezzi. Mi raccomando di non prendere la parte bianca, state leggeri con il pelapatate.
  • Con un coltello affilato tritiamo le bucce. La grandezza la decideremo noi, se ci piacerà una marmellata con più consistenza, possiamo lasciarle leggermente più grosse. Non utilizzate tritatutto mi raccomando.
  • Mettiamo sul fuoco un pentolino con dell'acqua, uniamo le bucce tritate e portiamo a bollore. Dovranno bollire per 3 minuti.
    marmellata-di-arance-e-datteri-fp1 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce
  • Scoliamo le bucce facendo passare il tutto attraverso il colino.
  • Rimettiamo sul fuoco il pentolino con acqua, un cucchiaio di zucchero (preso dal peso della ricetta) e le bucce scolate. Riportiamo a bollore per altri 3 minuti. Scoliamo e ripetiamo ancora questo passaggio, sempre aggiungendo un cucchiaio di zucchero. Alla fine del terzo giro, lasciamo riposare le bucce in acqua fin o al momento in cui le aggiungeremo alla polpa d'arance.
  • Priviamo i datteri del picciolo, del seme centrale e li tagliamo a pezzetti.
    marmellata-di-arance-e-datteri-fp2 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce
  • Peliamo bene le arance, sia quelle già sbucciate che quelle ancora integre.
  • Tagliamo la polpa a pezzettoni e la pesiamo. Dovremo arrivare ad almeno un chilo di polpa in pezzi.
  • Trasferiamo la polpa d'arance nel tegame antiaderente ed uniamo lo zucchero rimasto. Accendiamo il fuoco.
    marmellata-di-arance-e-datteri-fp3 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce
  • Pian piano la polpa rilascerà il succo che scioglierà lo zucchero e ci consentirà di cuocere il tutto.
  • Quando la nostra preparazione inizierà a bollire, aggiungiamo i datteri e le bucce che scoleremo dall'acqua proprio in quel momento.
  • Appena riprende il bollore abbassiamo la fiamma e lasciamo cuocere, dovrà restringere mescolando di tanto in tanto.
    marmellata-di-arance-e-datteri-fp4 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce
  • Facciamo bollire per almeno 30 minuti ma può volerci più tempo. Sarà comunque necessario dare la prova del piattino per valutare la densità del liquido. Mi raccomando, più la marmellata restringe, più aumenta il rischio che si attacchi.
  • Quando valutiamo che la marmellata sia pronta la trasferiamo bollente nei barattoli.
  • Mettiamo il coperchio ai barattoli e mettiamoli a testa in giù fino al completo raffreddamento.
    marmellata-di-arance-e-datteri-fp5 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce

Note

La cosa importante è che le arance siano non trattate perché la buccia dovremo mangiarcela.
La quantità di bucce che inseriremo in ricetta è a nostra discrezione, non ne metterei di meno di 5 arance. Se ne volete mettere di più, potete arrivare fino a 8/9 arance.
Fate attenzione, man mano che la marmellata restringe aumenterà il rischio che si attacchi, quindi specialmente verso la fine, tenetela mescolata.
Utilizzate barattoli già sterilizzati e versandoci la marmellata bollente, contribuiremo alla formazione del vuoto consentendoci di conservarla per mesi.
 
marmellata-di-arance-e-datteri-bl2 Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Marmellata di Arance e Datteri, meno zucchero senza rinunce sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/marmellata-di-arance-e-datteri-meno-zucchero-senza-rinunce/feed/ 0
Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole https://www.cuocogoloso.it/muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole https://www.cuocogoloso.it/muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole/#comments Tue, 23 Mar 2021 22:16:51 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=9959 I Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole sono una sana, merenda senza burro e super soffici. Un ottimo momento di dolcezza per le vostre colazioni o merende...

L'articolo Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
I Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole senza Burro, sono facilissimi da preparare e ancora più gustosi da prendere a morsi.

Sono così soffici e profumati che ti conquisteranno, il croccante gli dona un gusto fantastico ed un profumo inebriante. Pochi passaggi ed il gioco è fatto. Ti avviso, creano problemi di dipendenza per i più golosi ma a volta bisogna prendersi qualche rischio.

Muffin con le Mele e Croccante alle Nocciole come prepararli?

Non ti preoccupare, non sarà difficile preparare questi muffin. Pochi semplici passaggi che saranno un gioco da ragazzi. Prepariamoli assieme, segui le mie indicazioni e vedrai come sarai soddisfatta di quello che andrai a sfornare.

Io ti passo la ricetta e ti aiuto a prepararla ma l’ingrediente secreto l’ho metterai tu, la tua passione….

Come si fanno i Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole senza Burro

È giunto il momento di vedere quali ingredienti ti serviranno e come preparare questi golosi muffin. Basta parlare e mettiamoci all’opera.

muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole-bl1-850x400 Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole

Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole

I Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole sono una sana, merenda senza burro e super soffici. Un ottimo momento di dolcezza per le vostre colazioni o merende…

Pronti a partire? Rimbocchiamoci le maniche e prepariamoci a creare questi dolci meravigliosi senza burro.
Con queste dosi verranno circa 15 muffin del diametro di 5 centimetri.

5 da 1 voto
Preparazione 30 min
Cottura 25 min
Tempo totale 55 min
Portata Dolce, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 15 Persone
Calorie 178 kcal

Equipment

  • Padellino antiaderente
  • Tritatutto
  • Ciotola per mescolare
  • Teglia per muffin con pirottini di carta
  • Fruste elettriche

Ingredienti
  

  • 600 g Mele Golden mature circa 3 pezzi
  • 250 g Farina 00
  • 200 g Zucchero semolato
  • 150 g Nocciole intere pelate
  • 3 Uova medie
  • 80 g Olio di semi di Girasole
  • 60 g Latte
  • 1 Bustina di Lievito per Torte
  • Sali fino un pizzico
  • Limone non trattato solo la buccia grattugiata
  • Zucchero a Velo da cospargere dopo la cottura

Preparazione
 

  • Mettiamo le nocciole nel padellino e portiamo sul fuoco. Facciamo tostare le nocciole per qualche minuto mescolandole di tanto in tanto.
  • Uniamo 100g di zucchero, un cucchiaio d'acqua e riportiamo sul fuoco.
  • Sciogliamo lo zucchero facendolo diventare un caramello, non appena prende un bel colore ambrato togliamo dal fuoco e verdiamo il composto su di un foglio di carta da forno.
    Mi raccomando fate attenzione in questa operazione a non scottarvi. Mettete sotto il foglio di carta da forno una teglia, in modo da non rovinare il ripiamo sottostante.
    Lasciamo raffreddare.
    muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole-fp1 Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole
  • Rompiamo nella ciotola le uova ed iniziamo a montarle con le fruste elettriche. Dopo un minuto uniamo il restante peso dello zucchero (100g) e continuiamo a montare fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
  • Uniamo la metà dell'olio e del latte poi la farina ed il lievito setacciati. Amalgamiamo il tutto.
  • Uniamo l'olio rimanente.
    Accendiamo il forno a 180°C.
    muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole-fp2 Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole
  • Aggiungiamo il restante latte ed amalgamiamo.
    Tritiamo il croccante e peliamo e tagliamo a cubetti piccoli le mele.
    Uniamo all'impasto le mele e la metà del croccante tritato. Mescoliamo e prepariamoci a mettere l'impasto nei pirottini.
  • Prendiamo la teglia già con i pirottini di carta e distribuiamo l'impasto.
  • Terminiamo cospargendo sulla superficie con le mani il croccante tritato rimasto.
    Inforniamo a 180°C per 25 minuti circa. Verifichiamo la cottura con uno stuzzicadente.
    Quando i nostri muffin saranno cotto li sforniamo e lasciamo raffreddare, successivamente li cospargeremo con lo zucchero a velo.
    muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole-pf3 Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole

Note

Naturalmente il numero di muffin che otterrete dipenderà da quanto grandi sono i vostri pirottini. Potete farli più o meno piccoli, l’importate sarà poi adattare e verificare la cottura.
Potete sostituire le nocciole con mandorle o altra frutta secca.
State ben attenti quando cuocerete il caramello.
muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole-bl2 Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Muffin con Mele e Croccante alle Nocciole sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/muffin-con-mele-e-croccante-alle-nocciole/feed/ 2
Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche https://www.cuocogoloso.it/zeppole-con-crema-di-robiola-pomodori-secchi-e-olive-taggiasche/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=zeppole-con-crema-di-robiola-pomodori-secchi-e-olive-taggiasche https://www.cuocogoloso.it/zeppole-con-crema-di-robiola-pomodori-secchi-e-olive-taggiasche/#respond Fri, 19 Mar 2021 14:56:00 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=4320 Le Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche sono

L'articolo Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche sono finalmente una versione salata del classico dolce per la festa del Papà. Un ottima versione differente dal solito ma preparata con zeppole al forno.

Con l’avvicinarsi della festa del Papà il web si riempie di zeppole dolci oramai con ogni tipologie di ripieno dolce, dalla classica crema pasticcera, alla panna, alla crema al mascarpone, insomma un invasione di magnifici dolci. Ma dopo qualche giorno ci escono anche dalle orecchie ma oggi vi voglio far assaggiare una versione finalmente salata.

Perché le zeppole salate?

Il bello della cucina è darci gli strumenti e le idee per spaziare con ricette nuove. Oggi giochiamo con i sapori e ci diletteremo a creare fantastiche zeppole salate, proprio per chi ad esempio non ama il dolce o per chi vuole provare qualcosa di diverso.

Queste zeppole salate saranno un ottima idea per i vostri aperitivi, antipasti o finger food. Si possono tranquillamente preparare in anticipo e riporle in frigorifero fino al momento di servirle. Farete un figurone…

Vediamo come preparare le Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche, ingredienti e procedimento

zeppole-salate-con-robiola-e-pomodori-secchi-bl1-850x400 Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche

Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche

Le Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche sono

Le Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche sono un ottima alternativa in versione salata per festeggiare i papà non solo con dolci a fine pasto.
Vediamo cosa ci servirà e come preparare queste zeppole salate.

Preparazione 30 min
Cottura 35 min
Tempo totale 1 h 5 min
Portata Aperitivo, Antipasto, Fingher food
Cucina Italiana
Porzioni 8 Persone
Calorie 275 kcal

Equipment

  • Pentola
  • Spatola
  • Ciotola
  • Sac-a-poche con punta rigata da 14mm
  • Teglia da Forno
  • Tritatutto

Ingredienti
  

Per le Zeppole:

  • 330 g Acqua
  • 330 g Uova circa 6
  • 220 g Farina 0 o anche 00
  • 110 g Burro
  • 15 g Zucchero semolato
  • 5 g Sale fino

Per la Farcitura:

  • 300 g Robiola
  • 180 g Formaggio fresco spalmabile
  • 50 g Olive taggiasche denocciolate in olio già sgocciolate
  • 30 g Pomodori secchi in olio già sgocciolati
  • 15 g Grana Padano grattato o Parmigiano Reggiano
  • Timo fresco qualche rametto
  • Pepe nero macinato

Come finitura:

  • Grana Padano grattato o Parmigiano Reggiano

Preparazione
 

Prepariamo le Zeppole:

  • Mettiamo sul fuoco un pentola con acqua, burro, sale, zucchero e portiamo a bollore.
  • Abbassiamo la fiamma e aggiungiamo in un sol colpo tutta la farina. Mescoliamo con la spatola finché non si formerà una massa soda e compatta.
  • Facciamo cuocere la nostra massa per 3 minuti, dopodiché leviamo dal fuoco e trasferiamo il nostri impasto in una ciotola.
    zeppole-salate-con-robiola-e-pomodori-secchi-fp1 Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche
  • Con la spatola allarghiamo l'impasto per farlo raffreddare più velocemente.
  • Iniziamo ad aggiungere le uova, uno alla volta. Uniremo il secondo solo quando il primo sarà ben assorbito.
  • Una volta che avremo aggiunto tutte le uova, otterremo un impasto dalla consistenza di una crema pasticcera più soda.
    zeppole-salate-con-robiola-e-pomodori-secchi-fp2 Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche
  • Trasferiamo il nostro impasto nella sac-a-poche con la punta rigata e procediamo a dare forma alle nostre zeppole. Dovremo ottenere due dischi d'impasto sovrapposti dal diametro di 10 cm. Preriscaldiamo il forno a 200°C.
  • Quando avremo formato tutte le zeppole procediamo con la cottura. Inforniamo a forno caldo e come richiudiamo la porta, abbassiamo la temperatura a 180°C e facciamo cuocere per 35 minuti circa. Per almeno 25 minuti non aprite mai il forno.
  • Trascorsi i minuti pianificavi osserviamo le nostre zeppole e guardiamo se hanno sviluppato una doratura omogenea. Quando avremo verificato la perfetta colorazione possiamo aprire lo sportello e spegnere il forno. Lasceremo raffreddare le zeppole all'interno del forno con lo sportello aperto.
    zeppole-salate-con-robiola-e-pomodori-secchi-fp3 Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche

Prepariamo il ripieno e farciamo le zeppole:

  • Mettiamo all'interno di un tritatutto i pomodori secchi, il grana, il pepe e il formaggio spalmabile e azioniamo le lame. Il grado di finitura dipenderà dal vostro gusto, se volete i pezzetti di pomodoro secco più o meno fini. Prendiamo le olive taggiasche sgocciolate e le tritiamo con il coltello non troppo finemente.
  • Trasferiamo la nostra crema ai pomodori secchi in una ciotola, uniamo la robiola, il timo ed amalgamiamo.
  • Tagliamo in senso orizzontale le nostre zeppole, farciamo una metà con la crema e cospargiamo le olive tritate. Richiudiamo con la seconda metà della zeppola e terminiamo l'operazione con tutte le zeppole.
    Al momento di servire cospargiamo le zeppole salate con del grana grattugiato che simulerà lo zucchero a velo nella versione dolce.
    zeppole-salate-con-robiola-e-pomodori-secchi-fp4 Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche

Note

Mi raccomando verificate bene il grado di cottura e la doratura per evitare che le zeppole si affloscino su se stesse. Per maggiori consigli sulla cottura, leggi la ricetta delle zeppole di San Giuseppe.
Se vi dovesse avanzare la crema di formaggio e pomodori secchi è fantastica spalmata sul pane tostato o per condire la pasta.
zeppole-salate-con-robiola-e-pomodori-secchi-bl2 Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche
 
 

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Zeppole con Crema di Robiola, Pomodori Secchi e Olive Taggiasche sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/zeppole-con-crema-di-robiola-pomodori-secchi-e-olive-taggiasche/feed/ 0
Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova https://www.cuocogoloso.it/zeppoline-con-crema-al-mascarpone-e-nutella-senza-uova/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=zeppoline-con-crema-al-mascarpone-e-nutella-senza-uova https://www.cuocogoloso.it/zeppoline-con-crema-al-mascarpone-e-nutella-senza-uova/#respond Thu, 18 Mar 2021 09:01:00 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=4301 Se amate le classiche zeppole di San Giuseppe, sono sicuro che questa mia versione vi farà sciogliere dal piacere. Già al primo morso il vostro palato sarà innondato da una golosissima crema al mascarpone che vi manderà in estasi.

L'articolo Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova sono una piccola tentazione diversa dal solito che stupirà il vostro palato.

Le zeppole tradizionali sono il dolce più rappresentativo preparato per la festa del papà. La ricetta classica la conosciamo tutti ma oggi vi voglio ingolosire con una fantastica versione.

Sono certo che adorerete questa farcitura diversa dal solito ma che è veramente spettacolare, per facilità di realizzazione ma sopratutto per golosità.

Preparatevi perché qui la crema è in abbondanza, si vede e sopratutto si sente…

Le crema al mascarpone senza uova

Invece della solita crema pasticcera, ti voglio proporre una farcitura molto molto golosa, facile da preparare e senza uova. Un golosissima crema al mascarpone, delicata e vellutata, arricchita da Nutella.

In pochi passaggi potrai ottenere una meravigliosa crema che renderà le zeppoline un meraviglioso piacere.

Come preparare le Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova

zeppoline-con-crema-al-mascarpone-bl1-850x400 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova

Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova

Se amate le classiche zeppole di San Giuseppe, sono sicuro che questa mia versione vi farà sciogliere dal piacere. Già al primo morso il vostro palato sarà innondato da una golosissima crema al mascarpone che vi manderà in estasi.

Le Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova sono uno golosa rivisitazione di uno dei dolci più classici e tradizionali della nostra tradizione.

Preparazione 45 min
Cottura 38 min
Tempo totale 1 h 23 min
Portata Dolce, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 14 Persone
Calorie 311 kcal

Equipment

  • Pentola
  • Spatola
  • Sac-a-poche con punta rigata da 14mm
  • Sbattitore elettrico

Ingredienti
  

Per le Zeppole:

  • 330 g Acqua
  • 330 g Uova circa 6
  • 220 g Farina 0 ma va bene anche 00
  • 110 g Burro
  • 15 g Zucchero semolato
  • 4 g Sale fino

Per la Crema al Mascarpone:

  • 125 g Mascarpone
  • 100 ml Panna fresca da montare
  • 60 g Nutella
  • 40 g Zucchero a velo
  • 30 g Granella di nocciola

Per la finitura:

  • 100 g Cioccolato fondente
  • Granella di nocciola
  • Zucchero a velo

Preparazione
 

Prepariamo le Zeppole:

  • Mettiamo sul fuoco la pentola con acqua, burro, sale, zucchero e portiamo a bollore.
  • Abbassiamo il fuoco ed aggiungiamo in un sol colpo la farina e mescoliamo con la spatola per sciogliere i gli eventuali grumi.
  • facciamo cuocere questo massa per 3 minuti, dopodiché togliamo dal fuoco.
    zeppoline-con-crema-al-mascarpone-fp3 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova
  • Trasferiamo la massa in una ciotola e l'allarghiamo per farla intiepidire più velocemente.
  • Uniamo le uova, una alla volta aspettando che il primo sia assorbito prima d'aggiungere il successivo.
  • Dopo che anche l'ultimo uovo sarà assorbito avremo un impasto dalla consistenza simile alla crema pasticcera ma più sodo.
    zeppoline-con-crema-al-mascarpone-fp4 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova
  • Trasferiamo l'impasto in una sac-a-poche con la punta rigata da 14mm e iniziamo a dare forma alle nostre zeppoline. Formiamo due cerchi d'impasto sovrapposti con un diametro di 4/5 centimetri. Facciamo scaldare il forno a 200°C.
  • Diamo forma a tutte le zeppoline fino ad esaurire tutto l'impasto. Informiamo le nostre zeppoline in forno caldo. Appena chiudiamo la porta del forno abbassiamo la temperatura a 180°C e cuociamo per 30 minuti circa.
  • Quando le zeppole saranno ben dorate, spegniamo il forno e lasciamole raffreddare al suo interno tenendo la porta aperta.
    zeppoline-con-crema-al-mascarpone-fp5 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova

Prepariamo la crema e farciamo le zeppole:

  • Montiamo la panna a neve ben ferma con la metà dello zucchero a velo.
  • Sbattiamo il mascarpone con l'altra metà di zucchero a velo. Incorporiamo poca alla volta la panna montata in precedenza mescolando dall'alto verso il basso per non farla smontare. Uniamo la Nutella.
    Togliamo circa 1/3 della crema che useremo per guarnire le zeppole. Nella restante aggiungiamo la granella di nocciola, amalgamiamo e trasferiamo nella sac-a-poche.
    zeppoline-con-crema-al-mascarpone-fp1 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova
  • Prendiamo le nostre zeppoline e le tagliamo a metà in orizzontale. Facciamo un giro di abbondante crema e rimettiamo la parte superiore della zeppole.
  • Con la crema tenuta da parte in precedenza facciamo qualche ciuffetto sulla superficie e cospargiamo a schizzetti il cioccolato fondente sciolto in microonde o a bagnomaria. Terminiamo con la granella di nocciola e lasciamo riposare il tutto in frigorifero per 15 minuti.
    Successivamente spolveriamo con lo zucchero a velo e serviamo.
    zeppoline-con-crema-al-mascarpone-fp2 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova

Note

Mi raccomando non avere fretta, la cottura è il momento più delicato per la buona riuscita delle zeppole. Per maggiori indicazioni leggi la ricetta delle zeppole di San Giuseppe.
 
zeppoline-con-crema-al-mascarpone-bl2 Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Zeppoline con Crema al Mascarpone e Nutella senza Uova sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/zeppoline-con-crema-al-mascarpone-e-nutella-senza-uova/feed/ 0
Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale https://www.cuocogoloso.it/zeppole-di-san-giuseppe-al-forno-ricetta-golosa-e-tradizionale/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=zeppole-di-san-giuseppe-al-forno-ricetta-golosa-e-tradizionale https://www.cuocogoloso.it/zeppole-di-san-giuseppe-al-forno-ricetta-golosa-e-tradizionale/#respond Fri, 12 Mar 2021 17:48:41 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=9458 Le Zeppole di San Giuseppe al Forno sono uno del dolci tradizionali napoletani che hanno conquistato l'intero territorio Nazionale. Dolce per eccellenza per festeggiare la festa del papà e non solo, infatti sono talmente buone che in alcune zone d'Italia si mangiano tutto l'anno. Questa versione è al forno ma esiste anche la variante fritta, sempre utilizzando la stessa ricetta.

L'articolo Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Zeppole di San Giuseppe al Forno sono all’apparenza facili ma quando ci mettiamo all’opera ci fanno vedere i sorci verdi.

A volte non crescono, crescono bene e poi si sgonfiano, capita che rimangano crude all’interno. Insomma un odissea che ci fa passare la voglia di prepararle.

Ma come si fanno le Zeppole di San Giuseppe al Forno?

Da quello che ho imparato io rispetto ai miei svariati tentativi, è importante osservare bene l’impasto e non avere mai fretta. C’è qualche punto fondamentale da tenere sempre ben presente:

  • Utilizzare farina povera di glutine.
  • Pesare sempre le uova con grammi precisi, anche mezzo uovo fa la differenza.
  • Se avete a disposizione punte per sac-a-poche larghe basterà un solo giro.
  • La pasta bignè non ama tanto la carta da forno, il top sarebbe utilizzare dei tappetini micro forati dove le zeppole aderisco bene.
  • Appena infornate dobbiamo dargli lo shock termico e abbassare subito la temperatura.
  • Non aprire il forno durante la cottura.
  • Non avere fretta nel volerle toglierle senza che siano ben asciutte e stabili.
  • Farle raffreddare all’interno del forno con lo sportello aperto.
  • Ricordiamo che la crema pasticcera dev’essere più soda del normale, utilizzate 120g di farina o amido per mezzo litro di latte (come indicazione).

Una volta che saranno cotte, come farcire le Zeppole di San Giuseppe al Forno?

La ricetta tradizionale dice che le zeppole devono essere vuote dentro, con tanta crema pasticcera all’interno del buco e una bella montagnola sopra dove incastoneremo l’amarena sciroppata. Io così le ho preparate e buone che erano, però…

Se per qualche motivo, per sbaglio dico, farcite anche l’interno, godete ancora di più. Quando le addentate avrete un esplosione di crema, quasi vi mancherà il respiro, insomma il paradiso dei golosi.

Lo so, quelle tradizionali sono vuote. Facciamo che per noi in privato gli infiliamo più crema possibile e amarene a volontà, ma solo per il nostro personale piacere.

Perché le zeppole al forno si afflosciano o sgonfiano?

La parte fondamentale per un ottima riuscita della ricetta è senza dubbio la cottura. L’alta temperatura iniziale del forno fa gonfiare l’impasto. Abbassando successivamente la temperatura andremo a cuocere e ad asciugare la pasta, consentendoci di mantenere la struttura raggiunta.

Se le sforniamo troppo presto, la parte interna della zeppola risulterà ancora debole e umida, raffreddando collasserà. Sarà molto importante far colorare un pò le nostre zeppole per consentire agli zuccheri dell’impasto di stabilizzarsi formando una “crosticina” più resistente.

Il lavoro d’asciugatura ci servirà ad agire anche sull’interno, quindi sarà di vitale importanza protrarre la cottura e sopratutto lasciare le nostre zeppole raffreddare all’interno del forno spento con lo sportello aperto. Il calore residuo comunque continuerà ad asciugare il nostro prodotto preservandone la struttura finale.

Altra cosa fondamentale, resistete alla voglia d’aprire il forno prima che le zeppole siano colorate. Se aprite il forno nei primi 20/25 minuti abbasserete di colpo la temperatura. La struttura del prodotto non sarà ancora in grado di sostenersi e collasserà.

Come fare le Zeppole di San Giuseppe al Forno, ingredienti e procedimento.

Con queste dosi vengono all’incirca 10 zeppole, poi dipenderà dalla dimensione.

zeppole-di-san-giuseppe-bl1-850x400 Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale

Zeppole di San Giuseppe al Forno

Le Zeppole di San Giuseppe al Forno sono uno del dolci tradizionali napoletani che hanno conquistato l’intero territorio Nazionale. Dolce per eccellenza per festeggiare la festa del papà e non solo, infatti sono talmente buone che in alcune zone d’Italia si mangiano tutto l’anno. Questa versione è al forno ma esiste anche la variante fritta, sempre utilizzando la stessa ricetta.

Le Zeppole di San Giuseppe al Forno sono una vera delizia per gli occhi ma sopratutto per il palato. Affondare i denti nella soffice crema pasticcera ti ripaga dei patimenti nel prepararle.
Ma noi sono sicuro, amiamo le sfide ma sopratutto, amiamo il godimento del cibo e non ci tiriamo mai indietro. È giunto il momento di mettersi all'opera. Che San Giuseppe ci assista…..

Preparazione 45 min
Cottura 35 min
Tempo totale 1 h 20 min
Portata Dolce, Fine pasto, Dolce tradizionale
Cucina Italiana, Napoletana
Porzioni 10 Persone
Calorie 285 kcal

Equipment

  • Pentola
  • Spatola non in metallo
  • Sac-a-poche con punta rigata da 14mm
  • Teglia da Forno

Ingredienti
  

Per l'impasto base delle Zeppole:

  • 330 g Acqua
  • 330 g Uova circa 6
  • 220 g Farina 0
  • 110 g Burro
  • 15 g Zucchero semolato
  • 4 g Sale fino

Per la farcitura/finitura:

  • 500 g Crema pasticcera soda e fredda
  • 10 pz Amarene sciroppate
  • Zucchero a velo

Preparazione
 

Prepariamo le Zeppole:

  • Mettiamo sul fuoco la pentola con l'acqua, il burro, il sale e lo zucchero e portiamo a bollore.
  • Uniamo in un sol colpo la farina e mescoliamo per non far formare i grumi.
  • Cuociamo la nostra massa per 3 minuti, dopodiché togliamo dal fuoco.
    zeppole-di-san-giuseppe-fp1 Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale
  • Trasferiamo la massa in una ciotola e l'allaghiamo bene per farla intiepidire.
  • Iniziamo ad unire le uova, una alla volta. Facciamo assorbire la prima e poi inseriamo la successiva.
  • Alla fine avremo un impasto dalla consistenza simile alla crema pasticcera ma più soda.
    zeppole-di-san-giuseppe-fp2 Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale
  • Trasferiamo l'impasto nella sac-a-poche con la punta rigata da 14mm e iniziamo a formare dei cerchi di circa 6/7 cm di diametro. Due cerchi per zeppola. Teniamole distanziate, serviranno sicuramente due teglie.
    Preriscaldiamo il forno a 200°C.
  • Appena siamo pronti, inforniamo ed abbassiamo la temperatura del forno a 180°C. Cuociamo per 35-38 minuti, almeno per la prima mezz’ora non apriamo il forno.
    Devono risultare dorate.
  • Non abbiate fretta nel sfornarle, se non sono dorate lasciatele qualche minuto in più. A cottura ultimata spegniamo il forno e le facciamo raffreddare al suo interno lasciando lo sportello aperto.
    zeppole-di-san-giuseppe-fp3 Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale

Ed ora farciamole:

  • Quando le nostre zeppole saranno ben fredde le trasferiamo sul piatto da portata. Trasferiamo la crema nel sac-a-poche con la punta rigata e partiamo a farcire.
    Iniziamo dal buco fino a terminare con una bella montagnola al centro.
  • Mettiamo incastonata nella crema l'amarena ed una dose generosa di sciroppo.
  • Cospargiamo con lo zucchero a velo.
    zeppole-di-san-giuseppe-fp4 Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale

Note

La cosa fondamentale è non avere fretta, seguite i vari passaggi, calma e sangue freddo. Se avete dubbi, domande o perplessità meglio che mi scriviate, il 19 marzo è ancora lontano e c’è tempo.

zeppole-di-san-giuseppe-bl2 Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Guarda anche queste varianti:



Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Zeppole di San Giuseppe al Forno, ricetta golosa e tradizionale sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/zeppole-di-san-giuseppe-al-forno-ricetta-golosa-e-tradizionale/feed/ 0
Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice https://www.cuocogoloso.it/marmellata-di-arance-fatta-in-casa-golosa-e-super-semplice/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=marmellata-di-arance-fatta-in-casa-golosa-e-super-semplice https://www.cuocogoloso.it/marmellata-di-arance-fatta-in-casa-golosa-e-super-semplice/#respond Thu, 11 Mar 2021 14:31:19 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=9414 La Marmellata di Arance è molto spesso vista con sospetto. Sarà forse perché non è la classica marmellata più utilizzata da spalmare sul pane o per preparare golose crostate. Vediamo se ti riesco a far ricredere con la mia Marmellata di Arance perfetta.

L'articolo Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
La Marmellata di Arance è un ottimo modo di conservare questo meraviglioso frutto per il resto dell’anno. Non l’hai mai presa in considerazione perché non ti piace mangiare le sue scorzette all’interno o perché pensi che sia amara?

Perché la Marmellata di Arance con buccia è amara?

Il passaggio fondamentale per evitare questo fastidioso sapore è sicuramente bollire diverse volte le bucce. Ripentendo due o anche tre volte questo passaggio molto veloce e inserendo una piccola quantità di zucchero, ti permetterà di percepire un amaro meno fastidioso e molto più interessante per il sapore. Se la nota amara di questa marmellata è gestita bene, sarà veramente invogliante gustarla spalmata sul pane o nelle vostre crostate.

Quando e come fare la Marmellata di Arance

La cosa fondamentale per preparare una buona marmellata sono proprio le arance. È molto importante che siano non trattate, meglio se biologiche. Non trattate in superficie (o buccia edibile) vuol dire che sulle nostre arance non è stata applicata una soluzione a base di cera ed altri agenti chimici.

Perché questo? anche l’occhio vuole la sua parte. Vedere arance con la buccia perfetta, liscia, priva d’imperfezioni e lucida, invoglia di più l’acquisto. Passano diverse settimane, se non addirittura mesi dal momento della raccolta fino all’arrivo sui banchi dell’ortofrutta.

Nei magazzini per preservare il frutto dalla proliferazione di funghi sulla buccia, viene apposta questa patina che ne prolunga il mantenimento. Quindi meglio arance imperfette ma sane ed ancora più buone.

Come fare la Marmellata di Arance, ingredienti e procedimento

Con queste dosi otterrete circa 730gr di marmellata pronta.

marmellata-di-arance-bl1-850x400 Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice

Marmellata di Arance

La Marmellata di Arance è molto spesso vista con sospetto. Sarà forse perché non è la classica marmellata più utilizzata da spalmare sul pane o per preparare golose crostate. Vediamo se ti riesco a far ricredere con la mia Marmellata di Arance perfetta.

Non ci resta che vedere come fare la Marmellata di Arance a pezzi fatta in casa. Per il come gustarla poi, largo alla vostra fantasia. Io l'ho provata spalmata sul pane tostato e anche assieme alla robiola, semplicemente deliziosa.

Preparazione 30 min
Cottura 45 min
Tempo totale 1 h 5 min
Portata Colazione, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 18 Porzioni
Calorie 80 kcal

Equipment

  • Tagliere e coltello affilato
  • Pentolino
  • Pentola antiaderente
  • Colino o setaccio a maglie strette
  • Vasetti di vetro già sterilizzati
  • Pelapatate

Ingredienti
  

  • 2 kg Arance non trattate con buccia edibile Tarocco o Navel
  • 450 g Zucchero semolato

Preparazione
 

Partiamo dalle bucce:

  • Laviamo bene in acqua le nostre arance, possiamo aggiungere del bicarbonato così d'avere una pulizia più accurata.
    Con l'aiuto di un pelapatate ricaviamo la cuccia di 4/5 arance. Facciamo attenzione a non premere troppo per non prendere la parte bianca.
  • Tritiamo grossolanamente le bucce. La dimensione sarà a nostra discrezione, potremo farle più fini se non vogliamo sentirne troppo la presenza.
  • Mettiamo dell'acqua in un pentolino e ci uniamo le nostre bucce. Trasferiamo sul fuoco e portiamo a bollore.
    marmellata-di-arance-pt1 Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice
  • Facciamo bollire per 3 minuti dopodiché scoliamo le bucce attraverso il colino.
  • Rimettiamo altra acqua nel pentolino, le bucce e 20 grammi di zucchero (preso dal peso totale della ricetta). Portiamo sul fuoco e facciamo bollire per 3 minuti, scoliamo nel colino le bucce.
    Ripetiamo questa operazione per la 3° volta mettendo i 30 grammi di zucchero presi dal totale del peso della ricetta, altra acqua e le nostre bucce.
    Dopo il terzo giro di bollitura aspettiamo a scolare le bucce e le lasciamo riposare nella stessa acqua fino al momento d'inserirle nella marmellata.
    marmellata-di-arance-fp2 Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice

Occupiamoci della marmellata:

  • Prendiamo le arance ed eliminiamo la buccia e la parte bianca. Naturalmente partiamo da quelle che abbiamo pelato in precedenza.
  • Le tagliamo a metà ed eliminiamo il filamento bianco centrale. Tagliamo la polpa a cubetti.
  • Trasferiamo in una pentola tutta la polpa e il succo che si raccoglie sul tagliere. Uniamo lo zucchero ed accendiamo il fuoco.
    marmellata-di-arance-fp3 Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice
  • Per un primo momento mescoliamo spesso il tutto per favorire lo scioglimento dello zucchero.
  • Dopo una decina di minuti circa il succo sarà fuoriuscito ed avrà disciolto lo zucchero e inizierà a bollire. Scoliamo le bucce trattate in precedenza e le uniamo alla polpa.
    Facciamo cuocere per minimo 30 minuti. Inizialmente non servirà mescolare spesso. Man mano che il liquido si restringe, aumenterà la possibilità che la marmellata attacchi.
    Quando la marmellata si sarà ristretta, facciamo la prova del piattina per verificare la sua densità. Mettiamo un cucchiaino di marmellata sul piattino e lo incliniamo, se scivola piano è pronta, mentre se corre via veloce dovrà cuocere ancora qualche minuto.
  • Spegniamo e mettiamo nei vasetti (sterilizzati in precedenza) la nostra marmellata ancora bollente. Chiudiamo con il coperchio e riponiamo i vasetti capovolti con il tappo verso il basso. Copriamo con uno strofinaccio da cucina e lasciamo raffreddare completamente.
    marmellata-di-arance-fp4 Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice

Note

Mi raccomando scegliete bene le arance. Non importa che siano belle, la cosa fondamentale è che abbiamo la buccia edibile. In generale quelle vendute con la foglia sono le meno trattate ma nel dubbio chiedere al venditore.
In ricetta ho messo la buccia di 5 arance, se vi piace potete metterne di più. La cosa importante è che facciate bene tutte e 3 le bolliture. Anche la dimensione delle bucce dopo averle tritate è a vostro gusto. A me piace sottile che si mescola bene alla polpa e da consistenza e “carnosità” alla marmellata. Ma non è una cosa tassativa.
Con questa quantità di zucchero, la conservazione della marmellata arriva a 10 mesi, massimo un anno. A patto che i barattoli siano puliti e sterilizzati prima, che mettiate la marmellata bollente e che il tappo chiuda bene.
marmellata-di-arance-bl2 Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.


Prova anche queste golose varianti….

L'articolo Marmellata di Arance fatta in casa, golosa e super semplice sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/marmellata-di-arance-fatta-in-casa-golosa-e-super-semplice/feed/ 0
Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa https://www.cuocogoloso.it/rose-di-carnevale/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=rose-di-carnevale https://www.cuocogoloso.it/rose-di-carnevale/#respond Tue, 16 Feb 2021 14:57:00 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=674 Le Rose di Carnevale sono uno dei dolci di questa ricorrenza più scenografici. Una ricetta molto semplice ma ha qualche passaggio nel quale bisogna stare ben attenti e concentrati. Con le mie indicazioni sarà un divertimento prepararle e sopratutto sarà molto goloso farcirle.

L'articolo Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Rose di Carnevale sono una ricetta a mio avvisto stupenda e molto golosa. Non sono altro che tre sfoglie sovrapposte che dopo essere fritte vengono farcite nel modo più goloso e colorato possibile.

Sono fatte da un impasto molto simile a quello delle Chiacchiere che durante la frittura gonfia e si riempie di bolle. Si crea proprio una sorta di bocciolo che bel si presta ad essere farcito con ogni super golosa crema.

Queste rose sono un goloso oltre divertente dolce, infatti con la loro forma ben si prestano ad essere farcite non solo con la Nutella ma anche con crema pasticcera o confettura. Liberiamo la fantasia, magari assieme ai nostri bimbi e farciamole nel modo più colorato e gioioso possibile. L’unica regola è divertirsi creando cose buone e poi si mangia….

Come fare le Rose di Carnevale

ROSE-DI-CARNEVALE-BL1-850x400 Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa

Rose di Carnevale

Le Rose di Carnevale sono uno dei dolci di questa ricorrenza più scenografici. Una ricetta molto semplice ma ha qualche passaggio nel quale bisogna stare ben attenti e concentrati. Con le mie indicazioni sarà un divertimento prepararle e sopratutto sarà molto goloso farcirle.

Siete pronti a realizzare questo golosissimo dolcetto di Carnevale?

Preparazione 30 min
Cottura 20 min
Riposo dell’impasto 30 min
Tempo totale 1 h 20 min
Portata Dolce, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 30 Pezzi
Calorie 95 kcal

Equipment

  • Ciotola per impastare o impastatrice
  • Spianatoia
  • Macchinetta per stendere la pasta
  • Taglia biscotti a forma di fiore di 3 dimensioni differenti
  • Padella per friggere
  • Tasca da pasticceria per farcire

Ingredienti
  

Per l'impasto:

  • 290 g Farina 00
  • 2 Uova medie circa 115g
  • 45 g Zucchero semolato
  • 30 g Burro morbido
  • 25 g Vino bianco
  • 3 g Lievito Chimico per dolci
  • Sale fino un pizzico
  • 1 Arancia non trattata solo la buccia

Per la frittura:

  • Olio di semi di girasole o arachidi

Per la farcitura:

  • 400 g Nutella
  • 30 pz Ciliegie Sciroppate
  • Zucchero a velo

Preparazione
 

  • Setacciamo la farina con il lievito in una ciotola.
    Aggiungiamo tutti gli altri ingredienti e iniziamo ad impastare. Non appena l'impasto prende forma, ci trasferiamo sulla spianatoia e terminiamo d'impastare.
  • Avvolgiamo l'impasto nella pellicola e lo mettiamo in frigorifero a riposare per 30 minuti.
  • Dopo il riposo prendiamo l'impasto e lo dividiamo in 4 pezzi.
    Iniziamo a tirare la pasta, prima dalla tacca più larga. Pieghiamo su se stesso la lingua d'impasto e lo passiamo nella macchinetta. Riduciamo lo spessore fino alla penultima tacca aiutandoci con poca farina.
    Ritagliamo con le formine i fiori delle tre dimensioni.
    ROSE-DI-CARNEVALE-1 Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa
  • Sovrapponiamo i tre strati dalle differenti grandezze avendo cura di inumidire leggermente con la punta del dito la parte centrale del fiore. Questa fase aiuterà a far aderire tra loro le sfoglie.
  • Con il manico di un cucchiaio di legno o con la punta di un dito, premiamo al centro del fiore per saldare bene tra loro gli strati.
  • Versiamo l'olio in una pentola e lo portiamo a 170°C. Quando l'olio sarà arrivato alla temperatura giusta iniziamo a friggere.
    Immergiamo uno massimo due fiori alla volta con il fiore più piccolo verso il fondo della pentola. Questo aiuterà a far aprire i petali.
    Dopo qualche secondo rigiriamo su se stesso le rose per finire la cottura ma facendo attenzione alla doratura.
    ROSE-DI-CARNEVALE-2 Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa
  • Continuate con la frittura fino a terminare tutti le rose e tenendo ben controllato l'olio.
  • Man mano che scoleremo le rose, dobbiamo far attenzione a metterle sotto sopra per far sgocciolare bene l'olio .
  • Trasferiamo tutte le rose su di un vassoio e procediamo con la farcitura.
    Iniziamo con una bella spolverata di zucchero a velo.
    ROSE-DI-CARNEVALE-3 Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa
  • Mettiamo la Nutella nella tasca da pasticceria e riempiamo bene la parte centrale del fiore.
  • Farciamo con la Nutella gli altri petali e alla fine, mettiamo una ciliegia sciroppata al centro.
    ROSE-DI-CARNEVALE-4 Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa

Note

Aggiungo qualche consiglio:
  • Come per le Chiacchiere è fondamentale dare sapere all’impasto. Non lesinate con la buccia d’arancia o altro aroma.
  • Scegliete formine grandi in modo che il fiore abbia spazio per la farcitura ma anche per creare un effetto scenico. Una misura troppo piccola, specialmente degli strati alla base, renderebbe una figura più appallottolata e un fiore meno disteso e bello.
  • Naturalmente potete giocare con la farcitura, scegliere tra crema pasticcera, marmellata o altro. Liberate la fantasia.

ROSE-DI-CARNEVALE-BL2 Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Rose di Carnevale, il fiore più goloso di questa allegra Festa sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/rose-di-carnevale/feed/ 0
Chiacchiere di Carnevale https://www.cuocogoloso.it/chiacchiere-di-carnevale/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=chiacchiere-di-carnevale https://www.cuocogoloso.it/chiacchiere-di-carnevale/#respond Sat, 13 Feb 2021 09:56:00 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=643 Le Chiacchiere di Carnevale sono una ricetta semplicissima e golosa per festeggiare questa festa pazzerella.
Adoro sporcarmi di zucchero a velo ogni volta che le addento. Un dolce meravigliosamente semplice e che conquista molti palati anche per la sua non eccessiva dolcezza.

L'articolo Chiacchiere di Carnevale sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Chiacchiere di Carnevale sono il simbolo di questa festa. Semplicissime da preparare ma nascondono qualche passaggio al quale prestare particolare attenzione. Niente paura, dobbiamo festeggiare in allegria e golosità, quindi le prepareremo assieme, seguendo il mio procedimento passo passo ed il risultato sarà assicurato.

Perché si chiamo Chiacchiere e dove sono nate

Le chiacchiere pare fossero conosciute fin dall’Impero Romano quando, durante i Saturnali (il nostro Carnevale), venissero fritte nello strutto delle sfoglie d’impasto, chiamate Frictilia che poi venivano condite con il sanguinaccio.

Pare che il cuoco di corte della Regina Margherita Savoia, Raffaele Esposito fu incaricato di trovare un dolce da servire durante le chiacchierate con gli ospiti. Egli propose queste sfoglie fritte, chiamandole appunto chiacchiere. Direi che mai nome fu più azzeccato.

Da qui nasce anche la diatriba su come scrivere il nome di questo dolce, Chiacchiere o Chiacchere. Si può pensare che, conoscendo un pò quello che sta dietro al nome di questa ricetta, le idee diventino più chiare.

Un dolce diffuso in diverse regioni d’Italia ma scopriamone i diversi nomi

  • Chiacchiere
  • Bugie
  • Sfrappe
  • Cioffe
  • Cenci
  • Crostoli
  • Sfrappole
  • Frappe
  • Risole
  • Cunchielli
  • Maraviglias
  • Lattughe
  • Galani
  • Fiocchetti
  • Gale
  • E tu le conosci con altri nomi?

Non ci resta che vedere come si fanno le Chiacchiere, proprio come quelle in pasticceria

CHIACCHIERE-BL1-1-850x400 Chiacchiere di Carnevale

Chiacchiere di Carnevale

Le Chiacchiere di Carnevale sono una ricetta semplicissima e golosa per festeggiare questa festa pazzerella. Adoro sporcarmi di zucchero a velo ogni volta che le addento. Un dolce meravigliosamente semplice e che conquista molti palati anche per la sua non eccessiva dolcezza.

Vediamo come preparare le Chiacchiere tradizionali per festeggiare il Carnevale in allegria e gusto.

Preparazione 25 min
Cottura 15 min
Riposo dell’impasto 1 h
Tempo totale 1 h 40 min
Portata Dolce, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 10 Persone – Circa 30 pezzi
Calorie 112 kcal

Equipment

  • ciotola per impastare
  • Spianatoia
  • Macchinetta per tirare la pasta
  • Rotelle tagliapasta
  • Padella per friggere
  • Carta assorbente

Ingredienti
  

Per l'impasto:

  • 380 g Farina 00
  • 2 Uova medie
  • 60 g Zucchero semolato
  • 40 g Burro morbido
  • 40 g Latte
  • 15 g Grappa o altro liquore
  • 5 g Lievito Chimico per dolci
  • 1 Arancia non trattata solo la buccia grattugiata
  • Sale fino un pizzico

Per la frittura:

  • Olio di semi di girasole o arachidi

Come finitura:

  • Zucchero a velo vanigliato
  • Cioccolato fondente

Preparazione
 

  • In una ciotola setacciamo la farina e il lievito. Uniamo lo zucchero, la buccia d'arancia e il sale.
  • Aggiungiamo le uova, il burro morbido, il latte, la grappa e impastiamo il tutto.
  • Una volta che il nostro impasto sarà pronto, avvolgiamolo nella pellicola e mettiamolo in frigorifero a riposare per un ora.
    CHIOACCHIERE Chiacchiere di Carnevale
  • Prendiamo l'impasto e trasferiamo sulla spianatoia. Iniziamo a stendere l'impasto allo spessore più largo. Man mano che formiamo le lingue di pasta le pieghiamo su se stesse e le ripassiamo nella macchinetta. Ripetiamo questa fase un paio di volte.
  • Questa operazione ci aiuterà ad avere una sfoglia più liscia ed omogenea.
  • Passiamo tutte le sfoglie nella macchinetta fino a raggiungere lo spessore della penultima tacca.
    CHIACCHIERE-FP2 Chiacchiere di Carnevale
  • Tiriamo tutto l'impasto e l'ho teniamo disteso sulla spianatoia.
  • Con una rotella realizziamo le nostre chiacchiere, scegliendo la dimensione e praticando l'incisione centrale.
  • Versiamo l'olio nella padella e l'ho portiamo ad una temperatura di 170°C. Quando l'olio sarà pronto iniziamo a friggere. Mi raccomando 1 o 2 sfoglie per volta, controllando la temperatura dell'olio. Quando inizieranno a dorare, rigiriamo le nostre chiacchiere e finiamo di friggere. Proseguiamo fino a friggere tutte le nostre chiacchiere.
    CHIACCHIERE-PF3 Chiacchiere di Carnevale
  • Man mano che scoliamo dall'olio le nostre chiacchiere, appoggiamole qualche secondo sulla carta assorbente per far perdere il grosso dell'eccesso dell'olio di frittura. Successivamente le trasferiamo in un altro vassoio con la carte assorbente pulita ma mettendole non stese ma "in piedi". Lasciamole raffreddare.
  • Per decorarle con il cioccolato ci basterà dar fondere del cioccolato, stendiamo le chiacchiere su di un foglio di carta da forno e tenute vicine l'una all'altre. Con una forchetta schizziamole con il cioccolato fuso. Non ci sono dosi, conterà solo la vostra golosità.
  • Per la decorazione classica ci basterà tendere le chiacchiere a strati e cospargere abbondante zucchero a velo vanigliato ogni strato.
    CHIACCHIERE-FP4 Chiacchiere di Carnevale

Note

Ecco qualche consiglio aggiuntivo per la realizzazione di queste Chiacchiere di Carnevale:
  • La grappa non è obbligatoria, se non vi piace potete sostituirla con altro liquore o con succo di frutta.
  • Il riposo dell’impasto è fondamentale per far amalgamare tutti i sapori e per lavorare con più facilità l’impasto.
  • Non tralasciate la fase di stendere l’impasto, ripiegarlo su se stesso e tenderlo ancora. Questo operazione aiuterà la formazione delle bollo in frittura.
  • Controllate la temperatura dell’olio con un termometro. Essendo una sfoglia sottile, tenderà velocemente a colorare.
  • Ho indicato come finitura lo zucchero a velo vanigliato perché aiuterà a date più sapore alle nostre chiacchiere rispetto a quello tradizionale. Non è obbligatorio ma aiuta.
  • Le possiamo conservare nella credenza della cucina, durano diversi giorni. Però con il tempo, l’aria potrebbe renderle meno croccanti. Naturalmente se dureranno abbastanza.
CHIACCHIERE-BL2 Chiacchiere di Carnevale

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Mi raccomando, siate voi a controllare l’olio e non rischiare di far colorare troppo velocemente le nostre chiacchiere. Utilizzate un piccolo termometro, pochi euro per una grande mano con la frittura….

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Chiacchiere di Carnevale sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/chiacchiere-di-carnevale/feed/ 0
Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo https://www.cuocogoloso.it/castagnole-di-carnevale-ricetta-passo-passo/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=castagnole-di-carnevale-ricetta-passo-passo https://www.cuocogoloso.it/castagnole-di-carnevale-ricetta-passo-passo/#respond Tue, 09 Feb 2021 23:44:02 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=8353 Le Castagnole sono uno dei dolci più conosciuti di questa pazza e coloratissima festività. Belle soffici, ricoperte da zucchero ma anche cosparse l'alchermes, sono dei fritti di Carnevale più attesi.

L'articolo Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Castagnole se non le mangi, non è Carnevale, rigorosamente fritte e passate nello zucchero. Paura che ti vengano male oppure imbevute d’olio? Nessun problema. Segui il mio procedimento passo passo e sarà come prepararle assieme. Gustale ancora calde per apprezzarne la loro sofficità e gusto. Se ti s’intoppa nel gargarozzo, bevici su e passa la paura!!!!

Cosa sono le Castagnole?

Sono un piccolo dolce più o meno sferico, fritto o al forno e rigorosamente passato nello zucchero semolato. Si parte da un impasto semplicissimo, profumato e molto morbido. Si formano delle palline che vengono in questo caso fritte e li accade la magia. La pallina cresce e quasi si deforma, assumendo una forma differente rispetto alle altre.

Forse è proprio la cottura il passaggio fondamentale per la perfetta riuscita. Le Castagnole si devono gonfiare mentre friggono ma senza inzupparsi d’olio. E come facciamo ad evitare ciò? Prepara tutti gli ingredienti e quando sarà il momento, sarò li al tuo fianco per darti tutti i consigli utili per friggerle a regola d’arte. Per un goloso risultato, proprio come in pasticceria.

Vediamo ora come si fanno le Castagnole

CASTAGNOLE-BL1-850x400 Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo

Castagnole di Carnevale

Le Castagnole sono uno dei dolci più conosciuti di questa pazza e coloratissima festività. Belle soffici, ricoperte da zucchero ma anche cosparse l’alchermes, sono dei fritti di Carnevale più attesi.

Realizziamo le Castagnole, segui il procedimento passo passo e io sarò li con te a preparare questo goloso dolce…

Preparazione 20 min
Cottura 20 min
Riposo dell’impasto 30 min
Tempo totale 1 h 10 min
Portata Dessert, Dolce, Merenda
Cucina Italiana
Porzioni 10 Persone – circa 70 castagnole
Calorie 420 kcal

Equipment

  • ciotola per impastare
  • Spianatoia
  • Padella per friggere
  • Termometro per controllare la temperatura dell'olio
  • Carta assorbente

Ingredienti
  

  • 440 g Farina 00
  • 4 Uova medie circa 220g
  • 130 g Zucchero semolato
  • 90 g Burro morbido
  • 16 g Lievito Chimico per dolci
  • 15 g Limoncello o altro liquore a piacere
  • Sale fino un pizzico
  • 1 Stecca di vaniglia
  • 2 Arance non trattate solo la buccia grattata

Per la frittura e per finitura:

  • Olio di Semi di Girasole
  • Zucchero semolato
  • Liquore Alchermes se le volete condite con questo liquore

Preparazione
 

  • In una ciotola setacciamo la farina, il lievito e uniamo si semi della vaniglia e la buccia grattugiata delle arance.
  • Uniamo il resto degli ingredienti e mescoliamo il tutto fino ad ottenere un impasto morbido, omogeneo e leggermente appiccicoso.
  • Avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare in frigorifero per 30 minuti.
    castagnole-fp1 Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo
  • Trasferiamo l'impasto sulla spianatoia e diamo forma a dei bigoli. Successivamente taglia a pezzetti di circa 15g.
  • Aiutandoci con un velo di farina, diamo una forma sferica ai pezzetti d'impasto.
  • Versiamo l'olio nella pentola e lo portiamo a 170°C. Quando sarà arrivato a temperatura, con l'aiuto di una ramina, caliamo qualche castagnola. Mi raccomando poche per volta.
    castagnole-fp2 Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo
  • Facciamo friggere le nostre castagnole rigirandole con molta attenzione. Quando avranno raggiunto un bel colore dorato le scoliamo dall'olio e le mettiamo sulla carta assorbente.
  • Subito dopo passiamo le nostre castagnole nello zucchero semolato. Facciamole roteare bene in modo che aderisca su tutta la superficie.
  • Alcune possiamo secondo il nostro gradimento, schizzarle con l'alchermes che verrà assorbito.
    castagnole-fp3 Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo

Note

Dolce molto semplice ma con qualche insidia da non sottovalutare. Non andiamo a naso con gli ingredienti, non vogliamo fare un macello quando iniziamo a friggere. Pesiamo gli ingredienti, ho messo i grammi per facilitarci la vita.
Aggiungo qualche indicazione in più:
  • Gli aromi sono fondamentali. La vaniglia e la buccia d’arancia ci devono essere per dare profumo e sapore all’impasto, è molto importante. So che è una noia grattare la buccia di 2 arance ma serve e quando metteremo in bocca le castagnole, capiremo il perché.
  • L’impasto rimane leggermente appiccicoso essendo anche molto morbido. Non vi date alla pazza gioia con la farina. Un velo per le mani.
  • Vanno fritte in olio profondo almeno 2 dita. Prendete un tegamino come ho fatto io. Ci mettiamo qualche minuto in più a friggere ma le nostre castagnole nuoteranno bene nell’olio e noi le muoveremo facilmente senza romperle.
  • È molto importante metterne poche per controllare bene il grado di doratura e rigirarle spesso. Ma anche per non far abbassare troppo la temperatura dell’olio. Impariamo ad usare il termometro!!!
  • Se friggendo le castagnole, circa a metà, inizia a formarsi troppa schiuma (foto 6, in questa almeno un altra cotta si riesce a fare) dovuta alla presenza di molte uova nell’impasto, è normale. Vi fermate e cambiate l’olio. È anche per quello che vi ho consigliato di cuocerle in un pentolino piccolo, consumeremo meno olio.
  • Quando saranno belle dorate dappertutto le scoliamo, qualche secondo sulla carta assorbente e poi via nella zucchero. È il calore e l’umidità che evapora a far aderire bene lo zucchero semolato. Potete metterle in una ciotola e muovetele.
  • Per un profumo extra di vaniglia. Mettendo i semini nell’imposto, vi rimane la stecca, non buttatala ma strofinatela nello zucchero e lasciatela li. Sentirete che meraviglioso profumo.
CASTAGNOLE-BL2 Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Come friggere bene le Castagnole?

È fondamentale controllare la temperatura dell’olio. Come? Con un termometro adatto, pochi euro per friggere in tranquillità e gestire noi l’olio. Non andare in ansia se ci brucia le castagnole, lasciandole crude dentro.

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Castagnole di Carnevale, ricetta passo passo sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/castagnole-di-carnevale-ricetta-passo-passo/feed/ 0
Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate https://www.cuocogoloso.it/graffe-napoletane-con-patate-morbidissime-e-profumate/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=graffe-napoletane-con-patate-morbidissime-e-profumate https://www.cuocogoloso.it/graffe-napoletane-con-patate-morbidissime-e-profumate/#respond Sun, 07 Feb 2021 09:40:21 +0000 https://www.cuocogoloso.it/?p=8264 Le Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate tipica del Carnevale. Un dolce lievitato e fritto tipico della pasticceria napoletana che viene gustato non solo durante questa festività ma anche durante tutto il resto dell'anno.

L'articolo Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
Le Graffe Napoletane con Patate sono una fantastica ricetta, così soffice che sembra di mordere una nuvola. Pensate che sia complicato prepararle? Lo faremo assieme, dovrai seguire la ricetta ed il procedimento passo passo e vedrai che risultato. I tuoi cari non potranno credere che sono opera tua.

Cosa sono le Graffe Napoletane con Patate?

Non sono altro che delle ciambelle di pasta lievitata con all’interno delle patate lessate. Le graffe sono comparse in seguito della dominazione austriaca nel 1700, Una rielaborazione dei Krapfen, tipico dolce austriaco, fritto, cosparso di zucchero e ripieno di confettura.

Graffe o ciambelle, chiamatele come volete, sono una meraviglia di sapore e profumo, proprio come quelle al bar.

Scopriamo come si fanno le graffe

GRAFFE-BL1-850x400 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate

Graffe Napoletane con Patate

Le Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate tipica del Carnevale. Un dolce lievitato e fritto tipico della pasticceria napoletana che viene gustato non solo durante questa festività ma anche durante tutto il resto dell’anno.

Siete pronti a mettere le mani in pasta? E a sporcarvi con lo zucchero dopo averle prese a morsi?

Preparazione 30 min
Cottura 15 min
Lievitazione 6 h
Tempo totale 6 h 45 min
Portata Colazione, Dessert, Dolce, Merenda
Cucina Italiana, Napoletana
Porzioni 13 Ciambelle
Calorie 205 kcal

Equipment

  • Ciotola per impastare provvista di coperchio o pellicola
  • Spianatoia
  • Teglia o vassoio
  • Pentola per friggere
  • Termometro per controllare la temperatura dell'olio
  • Impastatrice se l'avete ma non è fondamentale

Ingredienti
  

Per il lievitino:

  • 120 g Farina Manitoba
  • 120 g Latte in alternativa acqua
  • 3 g Lievito di birra disidratato

Per l'impasto:

  • 400 g Farina Manitoba
  • 260 g Patate lessate e sbucciate circa 300g da crude
  • 3 Uova medie 165g
  • 100 g Farina 00
  • 75 g Burro morbido
  • 80 g Zucchero semolato più quello necessario dopo la frittura
  • 1 Stecca di vaniglia
  • Sale fino un pizzico

Per la frittura:

  • Olio di semi di girasole o arachidi

Preparazione
 

Prepariamo il lievitino:

  • Versiamo in una ciotola il latte e il lievito, facciamo sciogliere.
  • Aggiungiamo la farina e mescoliamo con una forchetta.
  • Otterremo un impasto morbido che non dovremo lavorare molto, dobbiamo solo amalgamare tutti gli ingredienti.
    Copriamo e mettiamo all'interno del forno spento con la luce accesa. Facciamo riposare per 2 ore.
    GRAFFE-FP1 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate

Per l'impasto:

  • Nel frattempo lessiamo le patate e le sbucciamo e schiacciamo. Per utilizzarle dovranno essere fredde.
    Trascorse le 2 ore, prendiamo il lievitino e procediamo con l'impasto. Uniamo la farina setacciata, le uova, le patate fredde, lo zucchero, il sale e i semi della bacca di vaniglia. Impastiamo.
  • Quando l'impasto si sarà formato, aggiungiamo il burro morbido e lo facciamo assorbire.
  • Quando avremo ottenuto un impasto liscio, morbido e ben formato. Possiamo continuare l'impastamento su di una spianatoia leggermente infarinata.
    Rimettiamo il nostro impasto nella ciotola, chiudiamo con il coperchio o la pellicola e rimettiamo nel forno spento con la luce accesa fino a che la massa non triplica il suo volume. Ci possono volere anche 3 ore.
    GRAFFE-FP2 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate
  • Quando l'impasto sarà triplicato, lo togliamo dalla ciotola e lo mettiamo sulla spianatoia, gli diamo 2 giri di pieghe di rinforzo, ripiegando la massa su se stessa.
  • Dividiamo l'impasto in circa 12/13 pezzi per avere poi delle belle graffe cicce. Se invece le volete più piccole e meno spesse, potete ricavare 15/18 porzioni.
    Lisciate ogni singola pallina in modo che sia il più possibile tonda. Lasciamo riposare coperto per 20 minuti.
  • Prendiamo una pallina e con le mani leggermente infarinate, formiamo un buco centrare che poi allargheremo. Considerate che questo buco dovrà essere largo almeno 5cm perché durante l'ultima lievitazione potrebbe richiudersi se troppo piccolo.
    Adagiamo ogni graffa su di una teglia o vassoio rivestito con carta da forno. Lasciatele ben distanziate.
    Mettiamo nel forno spento con la luce accesa per l'ultima lievitazione che durerà circa un ora o comunque fino al raddoppio.
    GRAFFE-FP3 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate
  • Trascorsa l'ora, prendiamo le nostra teglie e le tiriamo fuori dal forno. Versiamo l'olio nella pentola e l'ho portiamo a 175°C.
  • Tagliamo la carta da forno sotto le graffe per poterle poi friggerle senza rovinare la lievitazione.
  • Quando l'olio è a temperatura, immergiamo una graffa e appena si stacca leviamo la carta da forno. Io ho utilizzato una pentola piccola per avere l'olio profondo e per controllare bene la cottura.
    GRAFFE-FP4 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate
  • Quando vediamo che l'impasto immerso nell'olio inizia a dorare, giriamo le graffe su se stesse e finiamo la cottura.
  • Scoliamo le nostre graffe e le lasciamo qualche secondo sulla carta assorbente e poi le passiamo subito nella zucchero semolato su entrambi i lati.
    GRAFFE-FP5 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate

Note

Premetto che non è una ricetta difficile ma implica un pò di tempo e sapete che la lievitazione è una fase molto importante.
Premesso ciò, aggiungo qualche altro consiglio:
  • Se non avete la bacca di vaniglia, potete sostituirla con la buccia d’arancia non trattata grattugiata, direi almeno 2. È molto importante che si senta, perché è la cosa che conferisce aroma e profumo ad un impasto che non ha un sapore travolgente.
  • Ho scelto quel modo ti formare le graffe per non perdere troppo tempo a stendere e tagliare con lo stampino l’impasto. Perché poi andrebbe rimpastato e risteso ma avrete un impasto troppo nervoso che vi farebbe perdere un sacco di tempo. 
  • Non siete obbligate a fare le fasi di lievitazioni nel forno spento ma aiuta a raggiungere una temperatura intorno ai 28°c e senza spifferi. Mi raccomando forno spento e solo la lucetta accesa.
  • Io l’impasto l’ho realizzato a mano ma se voi avete un impastatrice è una mano santa. Poi, io adoro toccare la pasta ed impastare a mano, è molto anti stress, anche se avendo le mani molto calde, scaldo un pochetto l’impasto ma è una cosa che adoro.
  • Ultimo consiglio, anzi è più un suggerimento goloso. Se avete utilizzato la bacca di vaniglia per l’impasto, non buttate via la bacca stessa. Mettetela nello zucchero che poi utilizzerete per passare le graffe una volta fritte. Strofinate proprio con le dita lo zucchero nelle pareti della bacca. Otterrete uno zucchero con qualche puntino scuro, ma non è una cosa brutta, che avrà un buonissimo profumo di vaniglia.
  • Queste graffe si conservano soffici al massimo 3 giorni chiuse bene in un sacchetto, anche se dubito che dureranno abbastanza. Appena tirate su dallo zucchero, ancora tiepide sono spettacolari.
GRAFFE-BL2 Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate

Condividi la ricetta con i tuoi amici:

Mi raccomando di tenere sotto controllo la temperatura dell’olio. Basta veramente poco, un piccolo termometro, anche non digitale o con le batterie. Io utilizzo questo è mi trovo molto bene, costa poco e fa il suo dovere. Fammi sapere come ti trovi.

Hai realizzato a casa tua questa o altre mie ricette??

Ricordati di fotografarla e pubblicarla su Instagram o su Facebook… taggami @cuocogoloso.it

In questo modo saprò che ti è davvero piaciuta gustarla ma SOPRATTUTTO prepararla….Ciao, alla prossima ricetta e ricorda…  

La cucina è piacere, passione e fantasia, stupisci i tuoi commensali con ricette facili e pericolosamente golose.

L'articolo Graffe Napoletane con Patate, morbidissime e profumate sembra essere il primo su CuocoGoloso.it.

]]>
https://www.cuocogoloso.it/graffe-napoletane-con-patate-morbidissime-e-profumate/feed/ 0